Trasporti Smart: l’intero network in città diventa pulito

in Ago 28, 2019

Al fine di digitalizzare le città, risulta essenziale introdurre un’infrastruttura di trasporto efficiente e pratica. Adottare sistemi di trasporto intelligenti che siano efficienti da un punto di vista delle risorse, sicuri climate-and-environmentally-friendly per tutti i cittadini risulta essere cruciale.  In che modo possiamo perseguire questo obiettivo? Realizzando aerei, veicoli, imbarcazioni più pulite e meno rumorose per minimizzare l’impatto dei sistemi di trasporto sul clima e l’ambiente. E’ certamente un progetto ambizioso che punta ad una mobilità migliore e ad una riduzione del traffico stradale. 

 

L’Europa offre numerosi esempi in proposito. Amsterdam, ad esempio, sta sviluppando delle imbarcazioni autonome per ridurre il traffico e lo stress dei cittadini. La città ha già testato il primo prototipo, nell’ambito del progetto “Roboat” e altre città stanno seguendo le sue orme. Insieme ad Amsterdam, anche Londra si è impegnata per investire in un trasporto più  green e intelligente. Diventerà infatti la prima città al mondo ad avere degli autobus ad idrogeno nel 2020. Questo innovativo modello di autobus emette soltanto acqua come scarico ed è stato progettato per combattere l’emergenza relativa allo stato di salute della popolazione causato dall’inquinamento dell’aria. Oltre a produrre zero emissioni, . questi autobus includono anche delle  porte USB per i propri passeggeri. 

 

In America, nell’Aprile 2019, L’agenzia di trasporto pubblico di Portland, TriMet, ha lanciato il primo bus full electric, alimentato puramente dall’energia del vento. L’autobus sarà inoltre alimentato grazie al programma PGE’s Clean Wind e consentirà di risparmiare circa 172,000 pound di CO2 ogni anno. Il che equivale a 112 auto sulla strada. In merito al mondo dell’aviazione, Qantas ha testato il primo volo aereo che non genera rifiuti. Grazie a questa soluzione, l’azienda dimostra la propria intenzione di voler intervenire per ridurre la propria impronta ambientale. 

 

Queste città hanno compreso che l’inquinamente dovrebbe essere minimizzato in tutte le forme di trasporto, optando per energie alternative come ad esempio l’energia elettrica. I governi dovrebbero fornire degli incentivi e introdurre delle regolamentazioni per diminuire l’inquinamento generato dai combustibili, incentivare le persone ad utilizzare mezzi di trasporto più efficienti e meno inquinanti insieme all’utilizzo delle nuove tecnologie.  Il Regno Unito ha lanciato un progetto nel 2019 in base al quale distribuirà ai cittadini 3000 pounds all’anno da spendere per utilizzare i servizi di car sharing, bike sharing e trasporto pubblico e rinunciare all’uso della propria macchina. Nel complesso, modalità di trasporto innovative ed eco-friendly potrebbero essere combinate con la mobilità elettrica, come il car sharing residenziale progettato da GaiaGo, al fine di incoraggiare il trasporto multimodale. 

Leave a Reply